Archivi categoria: In Cantina con Guido

Il Kalimera e la magia di Aenaria

E’ una soleggiata tarda mattina di fine primavera, quando lasciamo il caotico traffico di Ischia Porto per raggiungere Serrara Fontana dove, a Tenuta Kalimera, ci aspettano Federica e Pasquale.
E proprio in questo angolo di paradiso vengono allevate le viti di Biancolella che danno vita al vino che ne porta il nome: il Kalimera.

Questo antico vitigno a bacca bianca predilige i terreni di origine vulcanica e ha trovato in questa isola, come nei vicini Campi Flegrei, la sua terra d’elezione donando ai vini il caratteristico profumo fruttato e mediterraneo.
Si pensa che le prime barbatelle siano state introdotte sull’Isola dagli Antichi Greci, rimasti colpiti dalla fertilità delle sue terre di origine vulcanica e dal clima mite ideale per la crescita della vite.

Quella del vino dunque è molto più che un’antica tradizione, è l’anima stessa di Ischia.
Questo nesso indissolubile tra i primi insediamenti e la coltivazione della vite si ritrova anche nel nome con cui era conosciuta l’isola: se per i Romani era Aenaria (dal greco “Oinaria”), per Virgilio e Ovidio era invece Inarim, la “vite”.
I vitigni allevati, il sistema di terrazzamento – che fa rientrare il territorio ischitano nella cosiddetta viticoltura eroica – finanche la struttura delle cantine sono le evidenti prove di quanto l’impronta greca sia presente ancora oggi.

Federica si affaccia dalla cantina e ci accoglie con un caloroso sorriso. La tavola sotto la pergola di canne è apparecchiata con i colori dell’isola.
Mentre attendiamo l’arrivo di Pasquale impegnato nell’imbottigliamento, ci facciamo accompagnare da Federica in una passeggiata nei vigneti circostanti.

Ci dirigiamo verso una piccola altura e nel frattempo ascoltiamo attenti la storia della cantina. Cogliamo una scintilla nei suoi occhi colore del cielo mentre ci parla della filosofia con cui si dedicano alla cura delle viti, una filosofia che abbraccia la biodinamica e che si basa sul profondo rispetto che Pasquale nutre per la terra.

E in questo contesto fatto di ripidi terrazzamenti che paiono abbracciare il Monte Epomeo – le parracine – dove i pochi filari ospitati sembrano snodarsi tra i muretti a secco di tufo verde, è chiaro che l’intervento manuale dell’uomo è l’unico possibile.
Lo spazio è poco, come dappertutto sull’isola, ma il panorama lascia senza fiato.
Ovunque si volga lo sguardo è possibile cogliere la meraviglia che circonda Tenuta Kalimera, con le verdi colline che scendo fino alla costa, dove incontrano il blu profondo del mare. Siamo fortunati, il piacevole venticello fresco che ci fa compagnia dalla mattina ci permette anche di ammirare Capri e Punta Campanella.
Il senso di pace che questo luogo incantato sa trasmettere non ha eguali.

Nel frattempo ci raggiunge Pasquale, è visibilmente stanco ma trova ugualmente un po’ di tempo da dedicarci. Questi piccoli gesti di profonda gentilezza e cura nei nostri riguardi sanno toccare le corde del cuore e lasciano inevitabilmente un segno. Forse non è poi così incredibile credere che un lavoro che implica un contatto così intimo con la terra e la natura richieda una nobiltà d’animo non comune ma che accomuna tutti coloro che lo praticano con amore e rispetto, senza distinzione di regione o età.
Non finiremo mai di stupirci delle meravigliose sorprese che il mondo del vino riserva.

Ritorniamo sui nostri passi e raggiungiamo quella che sembra una grotta scavata nel tufo verde della collina: è l’ingresso dell’antica cantina e rappresenta la storia della viticultura ischitana.

La voce pacata di Pasquale ci guida in una sorta di viaggio nella storia dove scopriamo che la cisterna dell’acqua, la caldaia e il palmento sono da sempre elementi comuni a tutte le cantine dell’isola.
La cisterna raccoglieva l’acqua piovana che veniva utilizzata per pulire la cantina e le attrezzature, che venivano poi sterilizzate nell’acqua bollente ottenuta grazie alla caldaia.

Attingendo ai ricordi lasciati in eredità dal nonno, Pasquale ci racconta che in realtà lo scopo principale della caldaia era quello di ottenere il mosto ridotto, indispensabile per conferire maggiore rotondità e profumo al vino.
In tempo di vendemmia, infatti, erano soliti bollire in alcuni grossi pentoloni una parte di mosto fresco insieme a origano e mele cotogne. Una volta ridotto, veniva poi aggiunto al mosto normale.

Un altro salto nel passato ci porta sino all’epoca degli Antichi Greci, dai quali ha origine l’uso del palmento che troviamo accanto al portone della cantina.
Questa antica vasca veniva utilizzata per la pigiatura che, solitamente, si strutturava in due fasi.
La prima, manuale, era una pressatura a “piedi” dell’uva, la seconda, invece era necessaria per spremere a fondo le vinacce e avveniva con l’utilizzo di un torchio rudimentale ottenuto con pali di castagno e un grosso masso di tufo forato (Pietra Torcia).

Varchiamo il portone e nella penombra delle luci delle lampade continuiamo la visita alla cantina: la maestosità di questo ambiente lascia senza parole, soprattutto sapendo che è il frutto di un immenso lavoro umano. Non una, ma tre le cantine collegate tra loro, è davvero inimmaginabile la quantità di uva che veniva prodotta.
E con Pasquale ci avventuriamo all’interno, tra cunicoli che collegano altri palmenti e vecchie botti, per vedere l’ultimo elemento essenziale di una tipica cantina ischitana: la ventarola, un vero e proprio tunnel che arriva sino alle pendici del monte Epomeo da dove convoglia aria fresca.

Uscire dalla cantina è come risvegliarsi da un sogno, ma Federica ci aspetta per pranzo, insieme ad una bottiglia di Kalimera, annata 2011.
Il vino ha un bellissimo colore giallo paglierino, i tre mesi di permanenza sui lieviti e gli anni di riposo in bottiglia gli hanno conferito profumi fini ed eleganti di agrumi, erbe aromatiche e spezie.
Ne assaggiamo un sorso: la sua incredibile freschezza gli ha garantito una bella evoluzione e, insieme ad una buona sapidità minerale, conferiscono al Kalimera una personalità peculiare, che racchiude al suo interno tutta l’energia e la forza dell’isola.
Con i suoi sentori che spaziano dall’agrume al profumo della sabbia di mare e il suo armonico equilibrio, questo elegante vino bianco è particolarmente adatto per accompagnare piatti a base di pesce, crostacei, carni bianche (come il tradizionale coniglio all’ischitana) e formaggi.

E’ quasi ora di rientrare, Pasquale deve tornare al lavoro e noi gli abbiamo già rubato troppo tempo.
A nostra discolpa possiamo solo dire che la magia di Aenaria sa trasportare lontano.

Cantina Cenatiempo
Serrara Fontana – Ischia

Metodo Classico: la sboccatura

Abbiamo già parlato della spumantizzazione e dei due Metodi per ottenerla, quello Classico e quello Charmat, sottolineando che, a nostro avviso, non esiste un Metodo migliore dell’altro perché entrambi, ciascuno per le proprie peculiarità, sanno regalare vini interessanti.

Tuttavia, sarà forse per merito dello charme che suscitano i nomi francesi con cui ancora vengono chiamate le delicate fasi di questo processo, o piuttosto dell’ammirazione nei confronti delle mani sapienti dei cantinieri che ruotano una ad una le bottiglie disposte nelle pupitre e poi, con un rapido e preciso gesto, ne eseguono la sboccatura, fatto sta che la spumantizzazione ottenuta con il Metodo Classico rimane quella che attrae maggiormente per il fascino dell’atmosfera che sa evocare.

Mani sapienti come quelle di Antonio Ognibene, che ancora esegue questo rito in maniera tradizionale per la produzione del suo Pignoletto Metodo Classico PignOro.

Durante una nostra recente visita in cantina abbiamo avuto il privilegio di assistere alle fasi finali di questo affascinante processo. La consapevolezza di essere al cospetto di uno dei pochi artigiani che crede nel valore della tradizione e ancora esegue manualmente la fase del dégorgement – o sboccatura – ci ha spinto a volerne condividere la conoscenza.

Che cos’è la sboccatura?

E’ un’operazione che serve a donare al vino pulizia e limpidezza eliminando il sedimento feccioso che si è formato in bottiglia durante la presa di spuma e il lungo periodo di affinamento.
Come per i Metodi di spumantizzazione, anche nel caso della sboccatura sono due i metodi per poterla effettuare: il primo, quello più tradizionale, è il dégorgement à la volée mentre l’altro, maggiormente diffuso, è quello à la glace.

Come avviene il dégorgement à la volée?

E’ un metodo manuale che rappresenta la storia e la tradizione dello Champagne. Viene eseguito per ogni singola bottiglia e richiede una grande esperienza e professionalità.

Le bottiglie, per poter essere “sboccate” devono aver terminato il remuage nelle pupitre ed essere, quindi, in posizione verticale (sur pointe), con il collo della bottiglia verso il basso.
In questo modo i residui della fermentazione vengo raccolti nella bidule, un piccolo raccoglitore di plastica di forma cilindrica collocato sotto il tappo a corona.

Il cantiniere, quindi, con un gesto rapido e deciso, inclina la bottiglia e la stappa: la pressione dell’anidride carbonica in questo modo fa espellere i depositi fecciosi.
La sua abilità sta nel raddrizzarla nell’esatto momento in cui l’aria dal fondo arriva al collo, facendo si che escano solo le fecce senza perdite di vino.
E’ un’operazione che richiede molta attenzione perché se il tappo viene tolto troppo tardi i lieviti tornano ad intorbidire il vino e si attende troppo tempo prima di raddrizzare la bottiglia si rischia un’eccessiva fuoriuscita di vino.

Antonio ha adattato personalmente una botte per questa delicata operazione, incidendo una sorta di “finestra” nella parte centrale con lo scopo di fermare il tappo e raccogliere i sedimenti espulsi a seguito della stappatura, illuminandola internamente per consentirgli di controllare meglio il contenuto della bottiglia.
Per l’operazione di stappatura utilizza un apribottiglie piuttosto lungo, acquistato nella Champagne, e che gli permette di lavorare più agevolmente.
Ci ha spiegato, infatti, che si potrebbe eseguire anche con un semplice apribottiglie per tappi a corona ma, essendo corto, non permetterebbe di gestire al meglio la fuoriuscita delle fecce.

Esaurite le spiegazioni del processo, Antonio preleva una bottiglia dalla pupitre accanto a lui, appoggia l’apribottiglie sul tappo a corona e con un rapido movimento lo toglie.
Il botto secco del tappo che urta sulla parete di fondo della botte è immediatamente seguito da un inaspettato nugolo di goccioline che piovono addosso agli spettatori vicini.

Come non concordare, allora, con il pensiero comune? E’ davvero uno spettacolo unico e entusiasmante assistere alle abili mani di Antonio che con gesti veloci e precisi “risveglia” il vino permettendogli di esprimere il carattere e l’energia che ha acquisito in tutti gli anni in cui ha riposato.

Le fasi finali del processo di spumantizzazione

Con un gesto rapido la bottiglia viene nuovamente raddrizzata e subito viene aggiunta la Liqueur d’Expedition che ha l’importante compito sia di ricolmare la bottiglia dell’eventuale perdita di vino avvenuta durante la sboccatura ma anche di conferirgli i sentori che lo renderanno riconoscibile da quelli di altre Maisons.
Siamo ormai alle fasi conclusive del processo: alle bottiglie viene quindi inserito un nuovo tappo che sarà bloccato dalla gabbietta. Poi è la volta dell’etichetta e della capsula e finalmente le bottiglie sono pronte.

Il dégorgement à la glace

Certamente meno spettacolare rispetto al precedente, il sistema di sboccatura à la glace inventato alla fine del ‘800 ha costituito un fondamentale passo avanti nel progresso della tecnica di spumantizzazione con il metodo Champenoise.

Come avviene?

Come sappiamo, terminato il remuage la bottiglia è in posizione verticale. In questa fase, il collo viene immerso in una soluzione a -25° che provoca il congelamento dei primi 4 cm di vino, quelli contenenti il deposito feccioso. Contestualmente, la temperatura dello spumante contenuto nella bottiglia si abbassa di diversi gradi, riducendo in questo modo la forza dirompente dell’anidride carbonica.
La bottiglia viene poi riportata in posizione normale e, togliendo il tappo a corona, il contenuto della bidule viene espulso insieme alla parte di vino ghiacciata.

L’introduzione di questo metodo di sboccatura ha permesso di velocizzare e semplificare questa delicata fase della spumantizzazione, con minori perdite sia di vino che di pressione rispetto al dégorgement à la volée.
Probabilmente oggi il dégorgement à la glace è il metodo di sboccatura più usato per la sua maggiore praticità, tuttavia il metodo tradizionale viene ancora utilizzato anche nelle grandi aziende per le bottiglie di dimensioni superiori al Jeroboam – che non sono tappabili a corona – oppure per speciali cuvée alle quali vuole essere riservato maggiore prestigio.

 

Grazie di cuore all’Agriturismo Gradizzolo e ad Antonio Ognibene per la pazienza e la preziosa collaborazione.

Pörlapà: la Barbera che stupisce

Il Piemonte è colline vitate e noccioleti, è il pranzo della domenica e le strade libere dal traffico, è la tradizione e la culla della filosofia Slow Food.
Il Piemonte è una bellezza quieta da apprezzare senza correre e la nostra evasione dalla frenesia quotidiana.
Non abbiamo bisogno di scuse o pretesti per tornare: è il dolce richiamo di casa.

E così, in una assolata domenica primaverile, raggiungiamo Costigliole d’Asti, terra d’elezione per la coltivazione del più importante, per diffusione sul territorio, vitigno a bacca nera del Piemonte: la Vitis Vinifera Montisferratensis, meglio conosciuto come Barbera.
Dalle sue uve si ricava la Barbera (rigorosamente al femminile), per decenni ha rappresentato il classico vino rosso “da pasto”, legato alle antiche tradizioni contadine. E’ un vitigno le cui uve hanno una buona resa, che regalano vini piuttosto alcolici e colorati e con un’elevata acidità fissa che ne facilita la conservazione.

Il calore con cui Giorgio e Roberto ci accolgono ogni volta che facciamo ritorno tra queste dolci colline, la semplice e raffinata bellezza della sala di degustazione e il senso di sopraffazione che inevitabilmente proviamo alla vista spettacolare dei vigneti che si coglie dalle ampie vetrate, sanno infondere una sensazione di pace e tranquillità, la stessa sensazione di benessere che si prova quando si torna a casa dopo tanto tempo.

Ci accomodiamo ad un tavolo, davanti ad una bottiglia di Pörlapà.
Il suo colore rosso rubino intenso e quei suoi caratteristici profumi di frutta matura e spezie rendono questa Barbera un vino affascinante, il suo affinamento in barrique per 18 mesi, fa si che al palato abbia tannini decisi ma non aggressivi e un buon corpo ma è la sua incredibile freschezza ad invogliarci a berne un altro calice.
Ed è chiaro già dal primo sorso per quale motivo abbiano scelto questo nome per il loro vino più importante: questa tipica esclamazione dialettale significa, infatti, restare senza parole ammirati e stupiti.
Stupiti per l’eleganza particolare, molto fine ed equilibrata, stupiti perché in un solo calice c’è tutta la storia della famiglia Boeri.

E’ il lontano 1936 quando Giovanni Boeri, nonno di Giorgio e Roberto, impianta questo vigneto sulla collina di Bricco Quaglia, e da allora i suoi frutti sono utilizzati per dare vita a questo superbo vino che ad ogni assaggio sa svelare una parte di sé, così incredibilmente fiero della sua personalità e che nulla ha da invidiare per qualità e gusto ai più rinomati “cugini” da uve Nebbiolo.

E come ogni vino fatto con il cuore, ha la capacità di trasmettere emozioni.
Perché, vedete, quello del vignaiolo non è solamente un mestiere, bisogna averlo nel sangue: il vino è come uno specchio che riflette l’anima di chi lo ha creato.
Quando si fa la conoscenza di persone come Giorgio e Roberto, si ha il privilegio di scoprire un mondo fatto di legami di amicizia forti, che vanno ben oltre a rapporti meramente commerciali.
E ci si ritrova a parlare per ore, del vino e della vita.
Ed è così piacevole rallentare il passo, ogni tanto.

Boeri Vini

Metodo Classico o Metodo Charmat?

Vi siete mai chiesti per quale motivo un Prosecco di Valdobbiadene sia così diverso da un Franciacorta? La differenza di profumi, di gusto, di corpo e di grana delle bollicine non è data solo dalle uve o dalla zona di produzione ma è dovuta soprattutto al metodo di spumantizzazione.

Come avviene la spumantizzazione?

Le bollicine presenti nel vino altro non sono che anidride carbonica disciolta, che però, a differenza dell’acqua o delle bevande gassate, non può, per legge, essere inoculata nella bottiglia ma deve essere frutto della fermentazione degli zuccheri.

Questo processo, a differenza della vinificazione dei vini bianchi o rossi, non può avvenire direttamente perché nel mosto sono presenti molti più grammi di zucchero di quelli necessari per ottenere le giuste atmosfere in bottiglia previste da disciplinare. Per questo motivo sono necessarie due fermentazioni, la prima per svolgere tutti gli zuccheri portando così il vino a secco, la seconda per la “presa di spuma” e avverrà necessariamente in un ambiente nel quale non venga dispersa l’anidride carbonica prodotta.

Due sono i metodi maggiormente conosciuti, il più antico, nasce in Francia nel XVII secolo a seguito di un errore di vinificazione. Si notò, infatti, che la presenza di zuccheri non svolti nel vino imbottigliato, causava una nuova fermentazione spontanea. Poiché il mercato dell’epoca iniziò ad apprezzare le bollicine nel vino, nel corso del tempo ne è stato affinato il processo, oggi conosciuto come Metodo Classico o Metodo Champenoise.

Questo metodo consiste nel stimolare la seconda fermentazione direttamente in bottiglia, mediante l’introduzione del “Liqueur de Tirage”, un sciroppo zuccherino contenente lieviti selezionati. Le bottiglie vengono lasciate a riposare in cantina per diversi mesi, durante i quali si formerà sia la spuma che un sedimento di fecce (o lieviti “morti”).

Le bottiglie vengono poi poste nelle pupitre, appositi portabottiglie che, mediante un processo di remuage (rotazione), permettono al deposito di lieviti di scendere dal fondo della bottiglia sino alla parte alta del collo.

Quando le bottiglie sono pronte, viene eseguito il dégorgement – o sboccatura – per eliminare il deposito feccioso dal vino. Ancora oggi, tra alcuni vigneron, c’è chi lo fa “à la volé”, cioè si stappa la bottiglia con un gesto veloce, in modo che con il tappo esca anche il deposito, ma molto più frequentemente viene eseguito “à la glace”, ovvero si porta il collo della bottiglia a -25° per qualche minuto in modo che il deposito congeli insieme ad una minima parte di vino, poi si stappa la bottiglia.

Terminata la sboccatura, verrà aggiunto lo sciroppo di dosaggio o “Liqueur d’Expedition”, costituito da zucchero e vino e la bottiglia verrà poi tappata definitivamente con i classici tappi a fungo.

La particolarità di questi vini è che derivano da uve non molto profumate, con elevato grado di acidità per questo motivo, per dare a questi vini corpo e struttura, si utilizzano i lieviti che conferiscono il caratteristico sentore di crosta di pane. Generalmente vini eleganti e strutturati, con un bouquet di aromi terziari complesso, una bollicina fine ed elegante.

In Francia, il vino più famoso ottenuto con questo metodo è lo Champagne e, al di fuori della sua area di produzione, il Cremant, e viene prodotto con un assemblaggio – o “cuvée” –  prevalentemente di uve: Chardonnay, che conferiscono eleganza olfattiva, Pinot Noir, e Pinot Meunier che conferiscono pienezza di aromi e struttura.

A seconda del residuo zuccherino presente, dei vitigni utilizzati e delle annate di produzione, si trovano in commercio differenti tipologie di Champagne.
Si parte dal più secco, chiamato in diversi modi, il più diffuso è Pas Dosé (ma anche Brut Nature o Pas Operé), seguono poi l’Extra Brut, il Brut, e, per coloro che amano un sapore decisamente più morbido, l’Extra Dry, il Sec, il Demi Sec e il Doux. Se l’etichetta non riporta ulteriori informazioni, solitamente questi vini vengono prodotti con uve di diverse annate allo scopo di garantire uno stile riproducibile nel tempo.
Il Millesimato è invece un vino prodotto unicamente con uve di una sola annata mentre il Blanc de Blancs e il Blanc de Noirs, sono ottenuti rispettivamente da sole uve bianche o da sole uve nere vinificate in bianco.
Infine i Rosè, che possono essere ottenuti o per macerazione (de saignée) o unendo il vino rosso alla base bianca (d’assemblage).

In Italia abbiamo diverse eccellenze, le principali sono il Franciacorta, l’Alta Langa, l’Oltrepò Pavese e il Trento DOC.
Per produrre questi vini si usano per lo più uve Pinot Nero, Pinot Bianco e Chardonnay. Le tipologie sono le medesime degli Champagne, alle quali si aggiunge, per i Franciacorta, anche il Saten, ottenuto da sole uve bianche e con una spuma “setosa” (da qui il nome) dovuta ad una pressione inferiore del vino in bottiglia.

Ultimamente si parla spesso di Metodo Ancestrale. Questo vino è in realtà prodotto con Metodo Classico senza che venga effettuata la sboccatura e conferendo, in questo modo, una caratteristica torbidità al vino.

Il Metodo Martinotti o Charmat (dall’inventore del contenitore in cui avviene la fermentazione) è molto diffuso in Italia e prevede sia la vinificazione che la rifermentazione in autoclave. L’autoclave è una cisterna a pressione e temperatura controllata, che svolge la stessa funzione della bottiglia, cioè non permette la dispersione dell’anidride carbonica prodotta velocizzando, in questo modo il processo di spumantizzazione. Il Prosecco, ad esempio, dopo 2 – 3 mesi può essere imbottigliato ed è già pronto per essere bevuto. Questo Metodo viene solitamente usato per spumantizzare uve che abbiano loro profumi e aromatiche caratteristiche, che non vengono, in questo modo, alterate dei lieviti. Sono quindi vini con aromi secondari fruttati e floreali, in generale, meno complessi e strutturati. La grana delle bollicine, solitamente, è più grossa e meno persistente.

Anche per i vini prodotti con Metodo Charmat abbiamo la distinzione a seconda del residuo zuccherino presente e quindi anche in questo caso avremo il Brut, l’Extra Dry, il Dry, e il Millesimato.

Quindi, meglio Metodo Classico o Metodo Charmat?

Noi possiamo rispondere che non esiste un Metodo migliore dell’altro e, se lavorati correttamente senza eccessivo “maquillage di cantina”, regalano entrambi vini interessanti. Per questo motivo ci sentiamo di darvi un solo consiglio, e cioè di scegliere con cura il produttore, privilegiando i vignaioli più orientati al prodotto piuttosto che alla vendita dello stesso.

Il Riesling, lo Speck e il Vecchio Maso

Marzo. Dopo un abbondante nevicata la voglia di vacanze si fa sentire. Quale scusa migliore di andare a fare una visita in cantina per salire sull’auto e partire?
Questa volta andiamo nella Valle Isarco, in Sudtirolo, per parlare di un vitigno originario della Germania: il Riesling.

Il principe di Mosella e Alsazia è sicuramente tra i vini più apprezzati dagli appassionati per le caratteristiche uniche che lo contraddistinguono, a partire dai tipici profumi di idrocarburi.
Il vitigno è stato inserito in Alto Adige dall’arciduca Giovanni d’Austria nell’Ottocento e nei pendii scoscesi della Valle Isarco ha trovato le condizioni ideali per regalare vini molto equilibrati, minerali e puliti.

La voglia di assaporare ogni istante del viaggio ci fa decidere di evitare l’autostrada e di raggiungere la Tenuta Röck percorrendo la statale che segue il corso del fiume Isarco.
Imboccata una strada con ampi tornanti risaliamo dalla valle e raggiungiamo Villandro, una bella insegna in legno ci informa che abbiamo raggiunto la cantina.
Un antico maso, che scopriremo essere del 16° secolo, attira subito la nostra attenzione. Ci accoglie Konrad, occhi castani e sguardo penetrante. Ci accomodiamo nella stube, storicamente la stanza più importante e cuore pulsante del maso, pervasa da un inebriante profumo di legno. Davanti ad un tagliere di speck tagliato al coltello e Schüttelbrot, Konrad ci presenta una dopa l’altra le bottiglie dei suoi vini con l’amore e l’entusiasmo di un padre.

Ci soffermiamo sul Riesling, dal colore giallo paglierino dai leggeri riflessi verdognoli: è bastato avvicinare il calice al naso per rimanere colpiti da quel suo profumo intenso di frutta bianca acerba che si discosta dai più classici sentori solitamente associati a questo vino.
E con il primo sorso entra nel cuore. Dapprima in in punta di piedi,  poi, così diretto e senza fronzoli, ti avvolge come una stretta di mano decisa ma non opprimente, è l’entusiasmo sussurrato di Konrad, è il suo profondo sguardo che sembra leggerti dentro.

Appagato dalla nostra curiosità, Konrad ci racconta dalla insolita vendemmia delle uve, che vengono raccolte tre volte, nel mese di ottobre, novembre e all’inizio di gennaio. Quest’ultima, viene poi lasciata in fienile per l’appassimento.
Il primo esperimento di induzione alla fermentazione con pied de cuve ha portato un risultato piuttosto interessante, un vino non banale con una buona acidità che, se giustamente conservato, potrebbe garantirgli una bella evoluzione nel tempo.
Ottimo come aperitivo, si sposa molto bene con piatti a base di crostacei, pesce crudo, carni bianche e con i formaggi freschi.

Nonostante la natura sia ancora in letargo, la pace che ci circonda ci invoglia e restare. Konrad ci guida in un ultimo giro prima di ripartire. Una porta nasconde l’ultima meraviglia di questo maso: la sala di affumicatura dello speck. La luce della piccola finestra sul fondo della stanza dalle pareti nere di fumo, illumina come in un dipinto di Caravaggio speck appesi e una vecchia stufa economica. Saliamo in auto con la stessa esaltazione di chi è appena uscito da una macchina del tempo, consapevoli che il profumo di carne stagionata e di fuliggine al legno di ginepro sarà un ricordo indelebile di questo viaggio .

Tenuta Röck
Villandro – Bolzano

 

Il Giovin Andrea e l’Albana da… Panico

Se diciamo Albana immediatamente penserete alla Romagna. Ma forse non sapete che fino a qualche decennio fa questo vitigno era molto diffuso anche nei dintorni di Bologna.
Anche se siete ancora scettici, sul nostro appennino resistono gli ultimi ettari emiliani dedicati a questo vitigno e ne abbiamo le prove! Andrea, giovane e appassionato titolare nonché enologo della Tenuta Folesano, ha prodotto da queste uve un Albana in purezza, il Gariete.
E’ da qualche tempo che manchiamo dalla cantina, per questo motivo in un’assolata e calda domenica di fine maggio abbiamo deciso di imboccare la Strada Statale Porrettana per raggiungere la Tenuta e scambiare due chiacchiere con Andrea. Lo troviamo ad attenderci all’ingresso della barricaia, con il suo sorriso solare e sincero.
L’incredibile capacità comunicativa di Andrea ci mette subito a nostro agio, il Gariete nei nostri calici, invece, ci invoglia a conoscere qualcosa di più sulle origini di questo antico vitigno. Esistono documenti che provano l’esistenza dell’Albana già dal 1300, tuttavia, alcune fondate ipotesi farebbero risalire il nome a quello latino dei Colli Albani, collocando la sua coltivazione addirittura in epoca Romana.
Nonostante la calura, Andrea si offre di accompagnarci per una passeggiata tra i vigneti. Ogni giorno c’è qualcosa da fare in vigna, soprattutto in primavera: la cimatura, la sfogliatura, il diradamento dei grappoli, la lotta ai parassiti ma l’entusiasmo e l’amore che si percepiscono dalle parole di Andrea sono così intensi che è facile comprendere per quale motivo i suoi vini siano così speciali. Passeggiando tra i filari notiamo che i caratteristici lunghi grappoli di questo vitigno stanno già prendendo forma e iniziano a fare capolino tra le foglie.
Rientriamo nell’accogliente sala da degustazione e, accaldati da un incredibilmente vigoroso sole primaverile, ci prendiamo il tempo per rinfrancarci con un ultimo calice di Gariete.
Un vino che, nonostante la struttura, risulta particolarmente fresco e di grande bevibilità, grazie ad una mineralità che lo rende piacevolmente sapido e saporito.
Di colore giallo dorato, al naso è fruttato con note floreali, per queste sue caratteristiche si adatta bene a preparazioni di pesce, crostacei e zuppe. Può essere servito anche con carni bianche, con minestre in brodo o come aperitivo.

Tenuta Folesano
Marzabotto – Bologna

 

La Vitovska e il Castello della Memoria

La nostra ricerca delle identità territoriali ci porta oggi a raccontarvi qualche aneddoto sulla Vitovska di Castello di Rubbia.
Approdiamo così nel Carso, una terra di confine unica, un affascinate e misterioso crocevia di lingue, culture, storie e popoli, dove la natura non è particolarmente benevola con la sua terra dura, i suoi inverni gelidi e la Bora che sferza i campi.
In questa terra nasce la Vitovska, antico vitigno autoctono a bacca bianca, poco conosciuto ma presente da tempo immemorabile.
Da sempre usato in assemblaggio con la Malvasia Istriana, da qualche anno sta iniziando a farsi apprezzare in purezza per la sua rigorosa autenticità.

In una assolata mattina autunnale percorriamo una tranquilla strada immersa nella spoglia campagna carsolina punteggiata di sommaco che in questa stagione si colora di un rosso fiammeggiante. Arriviamo davanti ad una grande porta di metallo che sembra condurre nelle viscere della collina, e proprio lì ad attenderci troviamo Nataša Černic, che ci accoglie con un solare sorriso.
Varchiamo la soglia di quella che una volta era una galleria di acceso ai rifugi della prima guerra mondiale in silenzio, consapevoli di trovarci al cospetto della Storia.
Ma è una volta entrati che abbiamo la sensazione di aver viaggiato nel tempo fino a giungere all’epoca di re, dame e cavalieri: davanti ai nostri occhi un’imponente cantina dall’austera bellezza, scavata nel grembo di un promontorio carsico alle spalle di una cannoniera, con le volte di pietra e le barricaie a vista.

Ci accomodiamo ad un tavolo per scambiare qualche parola, è difficile rimanere indifferenti all’entusiasmo e alla spontanea schiettezza di Nataša, le stesse caratteristiche che ritroviamo nella sua Vitovska, un vino genuino e senza ipocrisie, un sapiente equilibrio tra ragione ed emozione, con la capacità di arrivare diritto al cuore.
E’ l’espressione inconfondibile di questa terra, di buon spessore, con una particolare freschezza, minerale e con una buona acidità. E’ un vino piuttosto versatile, ottimo sia come aperitivo che degustato in accompagnamento a piatti di pesce e formaggi freschi.

E così ci rendiamo conto che, seduti nel silenzio della cantina, mentre sorseggiamo il vino che ci ha versato nel calice, stiamo assaporando la storia di questa famiglia e di questa terra di confine, unite fra loro da un legame indissolubile.

Castello di Rubbia
Savogna d’Isonzo – Gorizia

 

Bruno Porro e la Terra del Dolcetto

Esiste un legame profondo con il Piemonte e con le incredibili persone che abbiamo avuto il piacere di conoscere nel corso degli anni. Torniamo spesso in queste terre, è come una sorta di pellegrinaggio per rendere omaggio a quello che potremmo definire il punto di partenza della nostra avventura al Giro di Vite.
Oggi vi portiamo nella parte bassa delle Langhe, a Dogliani, dove il Dolcetto trova la sua massima espressione grazie alla sua eleganza e al suo potenziale evolutivo.

Meno conosciuto dei più blasonati Barolo e Barbaresco, il Dolcetto è il vino tradizionale di queste terre. E’ un vitigno di estrema delicatezza, sensibile al terreno, alle lavorazioni e alle variazioni del clima, per questo motivo richiede molto impegno e dedizione da parte di chi lo coltiva.
E così, guidando lungo le strade adagiate tra le colline disseminate di vigneti, godiamo del panorama mozzafiato che spazia dalle Alpi alla Langa del Barolo.

L’abbaiare di un cane annuncia il nostro arrivo all’Azienda Agricola Ribote e Bruno si affaccia al portone.
La “piemontesità” di Bruno è evidente già dalla sua semplice e genuina accoglienza, nulla ci fa sentire come a casa più del suo sorriso autentico e della sua stretta di mano vigorosa.
Ci accomodiamo al tavolo e innanzi ad un calice di Dolcetto ci raccontiamo le ultime novità di casa. Perché è quasi di famiglia, Bruno. Merito di Guido e Nadia che, soliti avventurarsi per vini in giro per l’Italia, arrivarono in azienda quasi per caso ormai più di 20 anni fa.

Assaggiamo un altro sorso di Dolcetto e realizziamo che questo vino dal carattere sincero, con una buona struttura e un sapore secco e armonico è l’espressione stessa della caparbietà e del profondo legame con le tradizioni di questa famiglia.

E’ un vino da tutto pasto elegante, che ben si sposa con piatti a base di carne o salumi, cotechino, primi piatti con sughi di carne e formaggi semi stagionati.

E’ un piacere ascoltare Bruno e i suoi aneddoti raccontati con il suo caratteristico intercalare piemontese, ma abbiamo altre cantine da visitare. Ripartiamo con il bagagliaio carico e la voglia di tornare presto tra queste colline.

Azienda Agricola Ribote
Dogliani – Cuneo