La vite: il ciclo biologico e il ciclo annuale

La vite: il ciclo biologico e il ciclo annuale

Quante volte avrete sentito dire la frase “il buon vino si fa in vigna”? Il senso metaforico è chiaro: all’origine di una buona bottiglia c’è la vite.
Negli ultimi decenni, infatti, assistiamo ad una sempre maggiore consapevolezza dell’aspetto naturale del processo produttivo del vino a partire proprio dalla vigna. Ecco perché se parliamo di vino dobbiamo necessariamente parlare anche della vite.

La vite: il ciclo biologico e il ciclo annuale
la vite – ©Enoteca Giro di Vite

Come per tutte le piante, anche per la vite possiamo definire un ciclo vitale, che corrisponde all’arco della vita della pianta.
Il ciclo vitale della vite ha inizio con la germinazione del seme, o nella maggior parte dei casi, con l’attecchimento della barbatella (una talea provvista di radici).

Nei primi 2-3 anni, a seconda del tipo di coltura adottata, la vite cresce ma non è produttiva.

Dopo tale periodo, normalmente, la vite ha raggiunto la forma definitiva che consente al viticoltore di produrre uva: è il periodo in cui la produttività è crescente e che normalmente varia in funzione del vitigno coltivato, del sistema di allevamento adattato e agli interventi del viticoltore.
In generale, il periodo di massima produttività è compreso tra i 20 e i 25 anni di vita della pianta, che costituisce la fase di piena maturità della vite e qualità delle uve prodotte.
Dopo 30-40 anni, la pianta inizia a invecchiare e la sua produttività inizia a calare.

Ciclo annuale: sottociclo vegetativo e produttivo

Nel corso del su suo ciclo vitale, le viti in produzione seguono anche un ciclo annuale che si manifesta con fasi fenologiche diverse, frutto delle caratteristiche della vite, delle interazioni con le condizioni ambientali e delle pratiche colturali.
Il ciclo annuale comprende il sottociclo vegetativo e quello produttivo.

Il sottociclo vegetativo

Inizia, in genere, a marzo quanto le temperature pian piano aumentano e riscaldano il terreno. La vite reagisce con il “pianto”: la linfa inizia a risalire lungo il tronco e, per alcuni giorni, fuoriesce dai tagli della potatura dell’inverno fino a che essi non si cicatrizzano completamente.

Circa 20 giorni dopo la fase del pianto, la vite comincia a germogliare: le gemme dapprima si ingrossano per poi dischiudersi nella conseguente uscita del germoglio.
La fase del germogliamento è estremamente delicata ed è influenzata sia da fattori climatici che dai metodi di coltivazione utilizzati come, ad esempio, la potatura o il tipo di impianto.
In questo periodo, i giovani germogli sono ricchissimi d’acqua e le gelate primaverili possono essere fatali.

La vite: il ciclo biologico e il ciclo annuale
la crescita dei germogli – ©Enoteca Giro di Vite

I germogli cominciano ad allungarsi ad una velocità sempre maggiore, raggiungendo il suo apice a metà giugno e continuano, seppur rallentati, fino ad agosto.
E’ in questo momento che inizia la fase di agostamento o maturazione del tralcio, durante la quale le sostanze elaborate vengono immagazzinate come riserve della pianta e i tralci cambiano colore diventando legnosi.
L’agostamento è molto importante per la produzione dell’anno successivo: una buona lignificazione permette alla pianta di superare meglio l’inverno e influisce anche sul suo ciclo vitale.

Questa fase continua fino a fine novembre. Con la caduta delle foglie inizia poi il periodo di riposo, che termina con la ripresa vegetativa dell’anno seguente.

Il sottociclo produttivo

Durante questo arco di tempo la vite segue anche un sottociclo produttivo, caratterizzato da due fenomeni paralleli:

  • lo sviluppo dei germogli uviferi nati da gemme ibernanti, differenziatesi l’anno precedente
  • formazione e differenziazione delle gemme ibernanti per l’anno successivo

Le gemme, infatti, sono di tre tipi: pronte (o estive), ibernanti e latenti. Le prime danno origine a rami improduttivi chiamati femminelle; le gemme ibernanti sono quelle da cui verrà generato il capo a frutto e che si apriranno l’anno successivo a quello della formazione.
Le gemme latenti, invece, possono rimanere inattive per molti anni e poi svilupparsi in caso di necessità formando quasi sempre rami sterili chiamati polloni.

La vite: il ciclo biologico e il ciclo annuale
la fioritura – ©Enoteca Giro di Vite

Tra la metà di maggio e quella di giugno inizia poi la fioritura. Può durare da una settimana a quindici giorni, a seconda delle condizioni ambientali.
Nella vite è possibile sia l’autoimpollinazione che la fecondazione incrociata. Se la fecondazione è imperfetta, gli acini saranno sprovvisti di vinaccioli e rimarranno, di conseguenza, verdi e immaturi: è la cosiddetta acinellatura.
I fiori invece che completano la fecondazione si dicono “allegati”.
Da questi si svilupperà una bacca, che inizierà ad aumentare in peso e volume in seguito alla divisione e distensione delle cellule.

Alcune infiorescenze anziché diventare grappoli si allungano (“filano”) e si trasformano in viticci; questo fenomeno, detto filatura, è una forma di autoregolazione per cui la pianta, a seconda delle proprie disponibilità nutritive, lascia cadere una certa quantità di fiori.
Alla fine del mese di giugno, i grappoli saranno già completamente formati.

A luglio avviene l’invaiatura: l’acino si ingrossa accumulando acqua, concentrando la gradazione zuccherina e diminuendo l’acidità. In questa fase l’acino cambia colore e diventa elastico, perdendo la durezza tipica del frutto acerbo.

La vite: il ciclo biologico e il ciclo annuale
maturazione – ©Enoteca Giro di Vite

Tra la metà di agosto e la fine di ottobre i grappoli giungono a maturazione. Dal punto di vista enologico si possono distinguere due tipi di maturazioni: uno a livello della polpa, corrispondente ad un rapporto zuccheri/acidità, ed uno a livello della buccia corrispondente all’accumulo di composti polifenolici ed aromatici.

Il controllo dell’uva durante il periodo della maturazione, permette al vignaiolo di scegliere con il momento più ottimale per la raccolta, in base, ovviamente, al risultato che vorrà ottenere.

🍷🍷🍷

“Il sole, con tutti quei pianeti che gli girano attorno e da lui dipendono, può ancora far maturare una manciata di grappoli d’uva come se non avesse nient’altro da fare nell’universo”
Galileo Galilei

Iscriviti alla newsletter: entrerai a far parte del mondo del Giro di Vite e sarai sempre aggiornato sugli articoli delle nostre rubriche e sulle iniziative dell’Enoteca!